Bava di ragno

18 novembre 2011

.

.

.

.

Bava di ragno



estraggo le parole dal nulla
simulacri vuoti, bava di ragno
prodotta da me

eppure filata con tanta arte
produce un disegno
un ponte argentato nel nulla
che fa parte del mondo, ora
è una cosa, un arabesco
che scintilla nel sole

ed è una trappola, certo,
un gioco feroce che invischia
altri corpi, e le loro parole
per me

che io le possa spendere
poi
per davvero

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.
(2005)

Advertisements

3 Risposte to “Bava di ragno”

  1. un filo
    un disegno
    un arabesco
    una trappola
    …una poesia!

  2. sembra dica che scrivere sia “semplicemente” fare delle proiezioni dell’incoscio, con le arti della retorica e delle sue figure – magari anche con quelle ancora in via d’esplorazione e non definite – una traduzione materiale, che diviene essa stessa viva solo se poi tangibilmente vissuta dal suo creatore; o , potrebbe nel contempo essere un augurio che il poeta si dà di essere lui stesso la sua poesia, la quale deve porre attenzione al suo statuto di cosa pubblica, che, con pudore, deve stendersi allo spettatore che ne viene a conoscenza e toccato in un coinvolgimento emotivo che è poi la base del trasfert che si instaura durante la lettura di un componimento.

    E, tutto ciò, nei versi.
    Grazie, un saluto,
    f.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: