Un gioco di finestre

18 gennaio 2013

.

.

.

.

Un gioco di finestre


è quando il mondo è un gioco di riflessi,
quando si apre lassù, sul muro una finestra
nel cui vetro si riflette un tetto e una grondaia e
una finestra ancora, dentro al cui vetro si riflette il cielo

corre, lo sguardo, a quell’estremo
rettangolo d’azzurro, rimando
di un rimando, come se un segreto
straordinario si celasse
in quella seconda riflessione

come se avessimo
dentro una stanza l’altra, e dentro a questa
il cielo, e l’infinito
nell’altro dentro a noi

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.
(2008)

Advertisements

4 Risposte to “Un gioco di finestre”

  1. sergio said

    Il testo è del 2008, se capisco bene il riferimento all’anno. Lo trovo molto bello. Trovo anche un riferimento, credo voluto, ai lavori di Umberto Fiori presenti nei suoi primi libri. Comunque la cosa non svilisce il “gioco di riflessi” e quindi di questioni che mette in campo in maniera, direi, esponenziale. Mi piace molto l’ottonario in chiusa, capace di spostare ancora una volta dall’esterno all’interno, dall’infinito a quanto crediamo conchiuso e non lo è.

    • Il riferimento a Fiori non era voluto all’epoca, ma ora che me lo dici lo riconosco benissimo, e in effetti, sì, è un testo molto fioriano. Forse anche troppo per il mio sentire di oggi.
      🙂

  2. riverberi dell’anima in plurima essenza

    🙂

    f.

  3. poetella said

    “fiorano” o no….
    che bella scoperta, stamattina!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: