Un gioco di finestre

17 maggio 2013

.

.

.

.

Un gioco di finestre


quasi un gioco di finestre, quando dentro il vetro cieco
sul muro se ne riflette un’altra e dentro a quella il cielo,

un gioco astratto, un rettangolo azzurrino tra i rettangoli
di vetro e di muro, quasi che un segreto imbarazzante

vi ci stia nascosto, quasi avessimo dentro a una stanza
l’altra e dentro a quella il cielo, e l’infinito che si affaccia,

con il suo intero spavento, nell’altro dentro di noi

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.
(2013)

Annunci

3 Risposte to “Un gioco di finestre”

  1. nel gioco degli istanti a folate sogni entrano

  2. fattorina1 said

    E’ una bella suggestione sul sentirsi piccolo e vedere e immaginare l’immenso. Mi ha fatto venire in mente un dipinto di MNagritte, per la surrealtà visionaria che la situazione crea.

  3. Sì, un che di magrittiano c’è sicuramente, da quando questi versi sono nati, anche nella loro prima versione (pubblicata qui in un post di gennaio)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: