Ci sono gli alberi

30 gennaio 2015

.

.

.

Ci sono gli alberi

.


ci sono gli alberi, scendono dall’alto fino a terra,

molte nuvole nascondono i monti grandi sul fondo,
la strada è percorsa lenta da un camion, si sente il clacson,

le nuvole fanno macchie sui monti vicini piccoli,
è tutto verde, sonno, il giorno aperto mi guarda

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.
.

(2013)

Annunci

Replay: Nel mezzo

27 gennaio 2015

.

.

.

.

.

.

Nel mezzo
l’isola sopra il lago
l’albero incorniciato dal campo
la statua nella piazza
così stavo io
…………………..come
un vaso di fiori al centro del merletto
in una casa festiva

.

.

.

.

.

.

.

.


Pubblicata in La nostra vita, e altro, Udine, Campanotto editore, 2004

.

.

.

Recitativo dell’improvvisa ansia

.


da tanto e tanto tempo eri solo un’icona
una figura un simbolo congelato
del desiderio
mentre ora di colpo
spaventevolmente
respiri
parli
mi
osservi
ti lasci toccare, guardare
ti ondeggiano i capelli
gli occhi sorridono

e sei
legata
a un altro

mentre da troppo tempo il mio amore
quello vero, quaggiù
inesorabilmente
sva
ni
s
c

e

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.
.

(2004)

Replay: Specchio di lago

20 gennaio 2015

.

.

.

.

Specchio di lago



se io ti dovessi amare
come ti ho amato una volta
come quest’acqua di lago
così tranquilla e profonda
se ti dovessi pensare
come ti ho pensato allora
come una vita impossibile
da avere eppure avuta
come uno specchio insondabile
e grande e liquido e vivo
e grande e vivo e incredibile
da percorrere coi sensi
e col pensiero, se fossi
pieno di te come allora
forse non comprenderei
che tu esisti anche al di fuori
del mio pensiero e del mio
imperversante volerti

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.
(2011)

Non devo scrivere il luogo

16 gennaio 2015

.

.

.

.

Non devo scrivere il luogo



non devo scrivere il luogo, la poesia è un mondo astratto,
un mondo dentro il riflesso, dove le forme del mondo

si diffondono, sfarfallano, raccontano racconti
ribaltati, sono storie di non storie, inconsistenti,

edifici che pretendono un senso al loro specifico
esistere, suggerendo di averlo perso, di non
averlo mai avuto

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.
(2013)

Replay: Il mio me

13 gennaio 2015

.

.

.

.

Il mio me


il mio me era un bambino
in un suo cerchio stregato
di nuvole e di erba, stretto
dentro l’ansimo di giugno

che lo incalzava il profumo
delle vacanze, perché
era fiorito là fuori
il tiglio, e lui percepiva
quale eternità d’estate
gli si venisse annunciando

il mio me non tollerava
tanti perché, annusava
e fremeva, si slanciava
e nel mattino era vivo,
e il mondo era tutto un tremito

non si chiedeva dov’ero
io, che cosa sarei stato
io, che cosa avrei pensato
io, quarant’anni più tardi,
di quel mio me intento a vivere,
di quel mio me dove io
io non vivevo ancora

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.
(2011)

.

.

.

Recitativo dell’amore che finisce

.


sulle linee del discorso della morte
incespicate ambedue, abbacinati,
nel rifiuto stupefatto
d’incontrarvi

starete insieme, certo, ma nel morire
l’uno dell’altra, nello strazio e
nell’agonia di un amore
ancora vivo, e già incapace
di nutrirsi

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.
.

(2005)

Replay: Restare

6 gennaio 2015

.

.

.

.

Restare



estate, arrivare assetati in un baretto
dopo lungo cammino per sentieri
nuovi, in un paese perso
nell’afa del sole alto, stare lì
con calcolata dilazione
sotto la vite per godere
di un interminabile consueto
sorso d’acqua, e solo allora accorgersi
che il silenzio è totale tra i mattoni
e le pietre chiare delle case
e solo il fiato un po’ ansimante
dei nostri corpi risuona prima
che la voce chiami e rompa
l’attimo

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.
(2008)

Banaras

2 gennaio 2015

.

.

.

Banaras

.


come fosse una Venezia spalmata di scivolose
merde di vacca, in cui l’acqua le ingloba salendo, metro

dopo metro per le strade strette, in cui anche l’acqua è sacra
e non la si può fermare nemmeno mettendo in mezzo

le tanto più sacre vacche, che producono la merda
che l’acqua lava, che l’acqua rende sacra parte di

sé, una Venezia bagnata con un grande fiume sacro
che l’abbondanza di merde sciolte non renderebbe più sacro

tantomeno se ti entra in casa adornandoti i muri
della tenue tinta gialla della merda differita,

mentre poco più in là bruciano i fuochi di tutti i morti
che hanno scelto di morire nella Venezia di vacche

incontinenti e tranquille, che eternamente ti guardano
quasi come tu non fossi tu, quasi come tu fossi

Shiva

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.
.

(2013)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: