preso dal terrore nel diventare lepre, disteso

10 marzo 2020

.

.

.

.

.


(ad Antonio Porta)

preso dal terrore   nel diventare lepre, disteso
airone sull’acqua,   lungo come le lunghe zampe,

la notte i germogli   sotto la neve, o migrare nel cielo
come se attraverso   quella porta magica, fui preso

da tutto il terrore   nell’essere lepre, nella notte
solcassimo i campi   come presagi che solo una luce

fortuita disvela,   nell’aria, maturate le rane
le ali raggiungono   quasi i due metri, bianche, o color

cenere, nell’aria,   sotto i germogli del grano, fresca
tutta questa vita   che avanza, a lunghi passi, a balzelli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.
.

(2019)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: