Nome buio

1 giugno 2018

.

.

.

Nome buio

.


nome buio della morte
vecchio nome della sorte
sorte nera del morire
guardami ascoltami vivere

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.
.

(2013)

Annunci

Nel mio nome

18 maggio 2018

.

.

.

Nel mio nome

.


nel mio nome non sappiamo, non troviamo nel mio nome
cosa necessario fare sia, non ci turbiamo mai

per le conseguenze, non sappiamo quale evoluzione
potranno avere i miei sensi, non ripercorriamo come
cavie il cunicolo cieco del terrore terminale,

non sappiamo nel mio nome quale l’interpretazione
sia che ci è permesso dare del mondo dove le cose
nel quotidiano trionfano, ma non le conosciamo,

non le sappiamo incontrare, non ci basta il nostro nome
quando serve questo nome quando poi mai lo incontriamo

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.
.

(2013)

Nel dopo

4 maggio 2018

.

.

.

Nel dopo

.


io non ci voglio pensare io non ci devo pensare
io non ci posso non posso non posso pensarci devo

trovare un ritmo diverso devo trovare quel ritmo
che permette di negare il pensiero l’onda che torna

il riflusso del sapere negare la mia coscienza
che quello che non poteva non accadere è accaduto

e siamo di là nell’altra sponda nel regno del dopo
da negare da negare da costringere nel ritmo

del tuo giorno dopo giorno che si apre

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.
.

(2013)

Nel caldo nell’acqua

20 aprile 2018

.

.

.

Nel caldo nell’acqua

.


nel caldo nell’acqua calda gocciolando quando esci
nell’aria calda nel caldo nel caldo nel buio vieni
fuori lasciando una traccia di calore di silenzi

quasi come abbandonati di umidità di sommessi
trofei di sussurri sparsi gorgogli diffusi reti
di parole che attraversano l’aria sentieri incerti

di sguardi caldo bagnato buio gocciolando esci
ma non è giorno non freddo non rinascono i pensieri
nel giardino della pelle nel controcanto dei gesti

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.
.

(2013)

Mentre il ritmo

23 marzo 2018

.

.

.

Mentre il ritmo

.


mentre il ritmo di parole si sparge ecco che si sparge
si sperpera si diffonde ecco che il ritmo di parole
si stende si apre scorre nel ritmo teso dei battiti
ecco che il ritmo dei battiti sale poi sale ancora
poi si stende ecco che

e poi si stende attraverso lo spazio le cose come
fossero tutte un destino

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.
.

(2013)

Maya

23 febbraio 2018

.

.

.

Maya

.


staremo qui, sui gradini, e tutto il niente del mondo
scaturirà dalle cose, come fosse naturale
vederlo, come se fosse cosa di qualsiasi giorno
il dissolversi del velo, come se non apparisse
a sua volta tutto questo un velo, senza mai sapere
se quello dell’illusione è questo che stiamo vivendo
oppure l’altro squarciato

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.
.

(2013)

Replay: Quando dal sé

13 febbraio 2018

.

.

.

Quando dal sé

.


quando dal sé si dimentica il sé, quando l’io è là,
quando dall’io si tralascia anche l’io, quando il sé è altrove,

quando siamo tutto il resto e tutto scorre, tutto resta,
quando siamo quella pianta laggiù, la formica, il corvo,
l’estasi incauta dell’eros, il tuo stesso percepire,

quando si torna dal fuori al sé, e il sé non basta più

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.
.

(2013)

.

.

.

Quello che colpisce

.


quello che colpisce è che la roccia, salendo, diventi

muro, poi scanalature, archi, finestre, ceselli,
guglie, come una materia che si raffina nell’alto,

come un trasmutare dal terrestre al celeste, e il celeste
siamo noi, démoni o dei, creature di forma

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.
.

(2013)

Le parole, uscendo

26 gennaio 2018

.

.

.

Le parole, uscendo

.


le parole, uscendo, sono un groviglio di segni e suoni
sulla carta, sullo schermo, nella voce, nei colori

che disegnano, non c’è nessuna chiarezza nei corpi
delle vocali, nel moto degli accenti, nelle voci

del senso che si dovrebbe distendere oltre i rumori
ed è rumore esso stesso, non costruiscono ponti,

non parlano le parole in questi versi, sono morti
che sorridono, che cantano senza sapere cosa

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.
.

(2013)

Replay: Ci sono gli alberi

16 gennaio 2018

.

.

.

Ci sono gli alberi

.


ci sono gli alberi, scendono dall’alto fino a terra,

molte nuvole nascondono i monti grandi sul fondo,
la strada è percorsa lenta da un camion, si sente il clacson,

le nuvole fanno macchie sui monti vicini piccoli,
è tutto verde, sonno, il giorno aperto mi guarda

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.
.

(2013)

La prossima volta

12 gennaio 2018

.

.

.

La prossima volta

.


la prossima volta che ci troveremo qui, sarà
veramente un posto, questo posto, sapremo che dietro
il cancello della torre del mercato c’è una piazza

da cui si stacca una via, e poi c’è un angolo, e un’altra
via dove c’è casa, solo per oggi, ma indubbiamente
la nostra,

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.
.

(2013)

.

.

.

.

Non devo scrivere il luogo



non devo scrivere il luogo, la poesia è un mondo astratto,
un mondo dentro il riflesso, dove le forme del mondo

si diffondono, sfarfallano, raccontano racconti
ribaltati, sono storie di non storie, inconsistenti,

edifici che pretendono un senso al loro specifico
esistere, suggerendo di averlo perso, di non
averlo mai avuto

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.
(2013)

Replay: Banaras

19 dicembre 2017

.

.

.

Banaras

.


come fosse una Venezia spalmata di scivolose
merde di vacca, in cui l’acqua le ingloba salendo, metro

dopo metro per le strade strette, in cui anche l’acqua è sacra
e non la si può fermare nemmeno mettendo in mezzo

le tanto più sacre vacche, che producono la merda
che l’acqua lava, che l’acqua rende sacra parte di

sé, una Venezia bagnata con un grande fiume sacro
che l’abbondanza di merde sciolte non renderebbe più sacro

tantomeno se ti entra in casa adornandoti i muri
della tenue tinta gialla della merda differita,

mentre poco più in là bruciano i fuochi di tutti i morti
che hanno scelto di morire nella Venezia di vacche

incontinenti e tranquille, che eternamente ti guardano
quasi come tu non fossi tu, quasi come tu fossi

Shiva

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.
.

(2013)

L’insetto

15 dicembre 2017

.

.

.

.

L’insetto

 

 


l’insetto dentro lavora, morde il quadrato dell’anima

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.
(2013)

Io lo sapevo

17 novembre 2017

.

.

.

.

Io lo sapevo


io lo sapevo una volta che cos’era il desiderio
di un sesso di un corpo di una esistenza che si stringesse

alle insolvenze del cuore, contro il respiro assetato
della mia immaginazione, io lo sapevo una volta

che cosa fosse volerti sino a sentire il dolore
dell’assenza della tua figura di carne nel mio

immediato intorno, erano paure non spiegate,
incomprensibili, sono, adesso, ancora incomprensibili

impossibilità quelle che fermano il nostro gesto
di piacere, come fosse evaporato il fluido oscuro

che trascorreva da te

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.
(2013)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: