Replay: La bustina

21 novembre 2017

.

.

.

.

La bustina


la bustina che si immerge nel tè non è consapevole
del fato del pomeriggio, dell’epos del tavolino,

del tremito del restare ad osservare il passeggiare
di tutti gli altri, si spegne l’ardore dell’acqua calda,

l’ardore delle metafore della vita che fugge,
del sentimento che piange, dell’acqua che si fa scura

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.
(2015)

Annunci

Io lo sapevo

17 novembre 2017

.

.

.

.

Io lo sapevo


io lo sapevo una volta che cos’era il desiderio
di un sesso di un corpo di una esistenza che si stringesse

alle insolvenze del cuore, contro il respiro assetato
della mia immaginazione, io lo sapevo una volta

che cosa fosse volerti sino a sentire il dolore
dell’assenza della tua figura di carne nel mio

immediato intorno, erano paure non spiegate,
incomprensibili, sono, adesso, ancora incomprensibili

impossibilità quelle che fermano il nostro gesto
di piacere, come fosse evaporato il fluido oscuro

che trascorreva da te

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.
(2013)

Replay: intuitivamente siamo

14 novembre 2017

.

.

.

.

.


intuitivamente siamo
pienamente consapevoli
che quello che non facciamo
ci può essere fatale
conseguentemente siamo
compiutamente manchevoli
e cautamente restiamo
a cavalcioni del male
di vivere

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.
(2010)

Ballatetta

10 novembre 2017

.

.

.

Ballatetta

.


la strada sopra le nuvole dove il tuo cuore termina
la via stretta e astratta dove il sentimento cerca il proprio

reciproco altrove locus terribilis dell’amore
casa infestata del gesto che tu pretendi gentile

sensuale intenso avvolgente la strada dentro l’inferno
dove il tuo cuore avvizzisce perché il suo altrove sta altrove

e non c’è scampo non c’è nessun gesto con cui tu possa
riportare il sentimento alla materia del gesto

non rimane alcun amore lungo la via dove termina
astratto e stretto il tuo cuore

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.
.

(2017)

.

.

.

.

Questo specifico cielo


no, no, mi sembra che piova, che tutto attorno a noi il cielo
stia per esplodere come una vecchia caldaia sporca,

magari sporca di fuori, nero fumo, rugginosa,
ma l’acqua dentro sarà magari limpida, magari

fresca, disgregata in spruzzi di spavento ingentilito
dalla consapevolezza della sua natura innocua,

ma noi mi sembra fuggiamo comunque, ma noi mi sembra
comunque evitiamo questo specifico cielo

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.
(2015)

In treno

3 novembre 2017

.

.

.

In treno

.


addenti il panino, bocca da cavallo un poco ottuso
ma tranquillo, buono, mentre a destra ti scorre il paesaggio
tutto ingombro dei palazzi del centro, mastichi, bocca

che non ti posso sfuggire, mentre scorre tutto attorno
a noi una peristalsi di capannoni e di campi
insicuri, e poi ti fermi, bocca che appari impegnata

quasi a riflettere, mentre attorno non riesce a trionfare
nessuna vita specifica, nessun regime, né
alimentare e nemmeno di paesaggio, così che

mi diventi una metafora inutile, bocca equina
che riprendi, ora metodica, quel rito che scandisce
il tempo altrimenti vuoto

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.
.

(2013)

.

.

.

.

.


in questo spazio di lago
rintanato tra montagne
verdi e annuvolate e scure
dai labirinti dei boschi
il cielo discende sino
sotto il livello dell’acqua
e ci confonde, racconta
la storia che non ci tocca
la storia che non capiamo
di un mondo ingenuo, da bimbi

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.
(2010)

Cuspide di mondo

27 ottobre 2017

.

.

.

Cuspide di mondo

.


suoni morbidi parole che non capisco, aspettiamo
nella pausa tra due voli, limbo di un luogo che è

sempre solo un altro luogo, parole morbide suoni
che si prolungano come il bordone all’essere soli

questa cuspide di mondo, non essendo noi né prima
né dopo, ma mentre, adesso, durante, attraverso, suoni

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.
.

(2017)

Replay: Non dovresti

24 ottobre 2017

.

.

.

Non dovresti

.


le regole incerte dell’attrazione
non t’impediscono di scommettere
sull’illusione d’amore
anche se devi ammettere
che ogni vincita prelude a un dolore
e mai ti dovresti permettere
la tirannia dell’emozione

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.
.

(2006)

Impossibile

20 ottobre 2017

.

.

.

Impossibile

.

 

è impossibile negare che siano belle le donne
anche dove mi nascondo si stagliano prospettive
di scollature e di gambe e di occhi, se fossi cieco
la filosofia che seguo sarebbe molto migliore

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.
.

(2013)

.

.

.

Non siamo quel verde

.


non siamo quel verde là, non siamo il contenuto della
nostra esperienza più intensa, nemmeno l’odore siamo,

e nemmeno questa musica che riempie tutti i sensi,
non siamo l’orgasmo, quando crediamo di essere interi
nel momento, dentro l’attimo, non siamo lo stupore

della scoperta che noi persistiamo, giorno per giorno
attraversati

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.
.

(2013)

Poetico nirvana

13 ottobre 2017

.

.

.

Poetico nirvana

.


così si possono scrivere versi fatti di niente
purissima poesia, libera da condizionamenti

propaganda, sentimenti, versi che versano aria
nel lago del cuore, rime senza motivo, assonanze

gratuite, così si può raggiungere il nirvana dell’
espressione, al di là d’ogni passione, così si leva

tutto quello che non serve, tutto quello che ci incardina
giorno su giorno nell’essere

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.
.

(2017)

.

.

.

Nel rio
(Ballata del tradimento)

.


guardavo, io,
la linea inattesa degli occhi
con impeto annunciarmi la tua vita
altrui, disseminando
astratti prodigi di luce
sui démoni concreti del giorno

proprio mentre il tuo sesso, là,
spalancato sull’abisso
piangeva lapislazzuli duri
d’oscurità e di stelle
disperdendoli nel buio e nel rio
piccole pietre dal destino d’oltremare

da ritrovarsi in seguito in un gioco
di veleno e di avventura
ancora lucide, vere
una per una giorno dopo giorno
per anni e per anni
lungo le vie del dopo

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.
.

(2005)

Imminenza

6 ottobre 2017

.

.

.

Imminenza

.


che sta per piovere, che
l’aria si è fatta più fresca,
che il cielo è adesso pesante,
che annuso l’odore che
produce la terra, che vedo
tutte le cose all’intorno
in sussulto, bisbigliare
piano la propria apprensione
che mi stanno trasmettendo
voce dopo voce, albero
dopo albero, visione
dopo visione, inquietudine
vasta, alta, grigia, fresca
sino al tramestio di inizio
dei battiti di tempesta
delle parole dell’acqua
delle lacrime degli angeli
d’ansia diffusi a distendere
le trombe gravi del tuono

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.
.

(2011)

Replay: Domani mattina

3 ottobre 2017

.

.

.

Domani mattina

.


domani mattina dimmi che cosa vuoi che io sia,

nel frattempo ci sarà una festa, si berranno molte
bottiglie di birra, molte pagine di vita, una
inaspettata esperienza, sarai ancora la stessa

per segnarmi domattina sul registro del destino?

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.
.

(2013)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: