.

.

.

.

.


dalla mia finestra le sere infestano innumerevoli
il mondo, le case non proteggono soltanto i nostri

corpi, il sentimento è ugualmente minacciato dal mondo
che la mia finestra tenta di incasellare e tenere

al suo posto, temo le sere che il core inteneriscono
quanto le parole d’amore, ritagliate da un libro

di luoghi comuni, dalla finestra le sere infestano
la mia vita, anche l’amore lo fa, senza scampo

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.
.

(2018)

Annunci

.

.

.

.

Del ricordare e del gesto



del ricordare e del gesto, questo così freddo luogo,
questo così estraneo andare tra muri che sono troppo
muri, queste mie parole stesse che non sono mie,
questo mio spesso tremore, da annegarsi nel tremore
che riconosco negli altri, queste mie mani ricordano
ricoprono i gesti del presente col ritmo di quelli
veri, riaprono il presente a ciò che è rimasto lontano
rimasto dentro rimasto chiuso, vivo, vivo, vivo
come sono stato io, sino al momento in cui qualcuno
ha deciso che il mio battito non fosse compatibile
con quello di tutti gli altri

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.
(2011)

.

.

.

.

.


regole regolarità regolamenti
reticoli di remi renitenti
recepire regate resistenti
refoli di refe, fulminanti
filosofie del filo, del finito,
del futile e del fiacco, del fenomeno,
filologie del verbo, del veleno,
del vero, del veridico, veramente
del vento, ventaglio, venti volte

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.
.

(2011)

Replay: Quando si parla

9 ottobre 2018

.

.

.

.

Quando si parla



quando si parla una lingua che non è quella del cuore
le parole si nascondono al nostro sguardo e all’udito
le cose sono ristrette a vivida approssimazione
persino il mare è più semplice e l’amore è diventato
un mare di stereotipi denso di sicurezze
dove tutto è come deve essere, del proprio colore
più lessicalmente vero

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.
(2011)

.

.

.

.

.


vita nel frinire interminabile delle cicale
vita nelle onde sotto la luce determinata
del tuo pomeriggio, vita dentro gli insetti che corrono

verso le tue briciole, vita nelle briciole, nel loro
pigro stare sulla sabbia, vita nella spiaggia, vita
nelle tue cicale che perseverano, vera vita

del sole e del mare e del vento e della terra e di te,
ora tace l’anima, i sassi scottano, vero volto
di un prossimo dio, ma nessuno è rimasto che ti guardi

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.
.

(2018)

Replay: Tanto tempo fa

2 ottobre 2018

.

.

.

.

Tanto tempo fa
(Madrigale del ricordo e dello spavento)



che paura quando il cuore ripercorre
le strade tracciate
tanto
tempo
fa

che spavento accorgersi di quanto mondo c’era
attorno, che il nostro correre avanti
non vedeva
quante bellezze, quanti bivi
che ci apparvero allora
come inutili stradelli polverosi
ed erano invece la via, forse
per evitare, appena più avanti,
il dolore frastornante della fine

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.
(2004)

Prendi il silenzio

28 settembre 2018

.

.

.

Prendi il silenzio

.


prendi il silenzio, rovescialo nella campana timida
del vespro, metti nel buio di questo incontro la voce
tra ombre, tra voci calde e quiete, tra trepide braci

di amorevole follia, biscotti, tazzine, le labbra
che mescolano sapori e parole, freddo all’esterno
delle finestre serrate, che i rintocchi ti rivelano

con questo avvento notturno, nel riverbero dei volti
tintinnii di porcellane albine, mani che raccontano,
occhi che ora sorridono, guarda il silenzio, lascialo

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.
.

(2012)

Replay: Di cosa

25 settembre 2018

.

.

.

.

Di cosa


di cosa devo pentirmi quale ammenda devo fare
di cosa devo tacere quale silenzio ho da scegliere
a cosa devo negarmi quale destino mi lascia
di cosa posso parlare quale urlo mi condanna

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.
(2012)

.

.

.

.

.


ah, Walt Whitman, caro padre, barba grigia, quale America,
bel vecchio, maestro di coraggio solitario, quale
America avresti oggi quando Caronte smetta
di spingere i remi e tu rimanga prigioniero dei
tuoi versi su questa banchina fumosa ad osservare
la barca svanire sulle acque nere dello Stige?

ah, Ginsberg, maestro d’impossibili modi, dov’eri
quando il nostro mito è franato e nella rovina restano
solo sensazioni disgiunte, distratte, disagevoli,
scintille che volano sui muri sommersi dal sangue
al posto del quale nelle nostre vene solo circola
tra le banchine abbandonate l’acqua verde del Lete?

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.
.

(2018)

.

.

.

.

Recitativo delle orecchie della luna



che ne sarà di noi
al di là dei cancelli dell’affanno
lungo i percorsi ridicoli
della nostra imprudenza
nelle notti in cui le orecchie della luna
lassù sopra di te e di me
e scatenate
dall’ora tarda e dalla nostra febbre
inconsapevolmente
grondano sangue

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.
(2005)

Pozze d’acqua

14 settembre 2018

.

.

.

Pozze d’acqua

.


pozze d’acqua, vecchia pietra, ali grigie, grande volo
di piccioni grigioverdi, vecchia pietra, grande volo
di ali grigie, pozze d’acqua, tutto il rovescio del cielo
sul rovescio dello stormo

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.
.

(2013)

Replay: Nell’alto

11 settembre 2018

.

.

.

.

Nell’alto



battito del mare grande
battito del duro monte
battito del sole caldo
battito dell’ansimare
respiro della falesia
dove sbattono i gabbiani
respiro dell’alto vento
nel cielo sotto di noi
battito del nostro cuore
battito della paura
il ritmo del passo lento
batte e respira con noi

in alto sopra Antequera, 25 agosto 2011

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.
(2011)

.

.

.

.

.


dove sono andate tutte le parole che giravano
ieri tra le cose pretendendo di esserne chiave

mentre oggi non si alza nessuna voce a dirci
di che pasta è fatto il mondo, corrono soltanto suoni

di sapore vago, che si rifiutano di parlare
con certezza, sono i non nomi delle non cose, ridono,

magari tintinnano, sciacquano, rombano, non dicono
le non verità della luce e dell’acqua della terra

né quelle sfuggenti del fuoco, lavano le certezze
dalle croste gialle del senso, profumano di vuoto,

spingono le onde lontano dalla battigia dove
il nostro non corpo si appella al vasto grido del sole

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.
.

(2018)

 

Replay: Così

4 settembre 2018

.

.

.

.

Così



è così, è così, senza uscita, l’ombra è diventata
tutto, è così, è così, si sono ispessite le cose,
l’ombra è diventata tutto, senza uscita, senza meta,
senza nuova vasta vita, così, così, un dilagato
contrappasso all’entusiasmo, che ci portava in avanti
verso quella luce, verso quest’ombra senza metafore

verso quest’ultimo verso, verso quest’ultima stasi

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.
(2012)

Oh, le cose

31 agosto 2018

.

.

.

Oh, le cose

.


oh, le cose, sì, le cose, due ragazze si attorcigliano
nel volo come ballassero una lambada, farfalle
di qui le guardano e ridono, è lontana la città

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.
.

(2013)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: