Maya

23 febbraio 2018

.

.

.

Maya

.


staremo qui, sui gradini, e tutto il niente del mondo
scaturirà dalle cose, come fosse naturale
vederlo, come se fosse cosa di qualsiasi giorno
il dissolversi del velo, come se non apparisse
a sua volta tutto questo un velo, senza mai sapere
se quello dell’illusione è questo che stiamo vivendo
oppure l’altro squarciato

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.
.

(2013)

Annunci

Replay: Tenera

20 febbraio 2018

.

.

.

.

Tenera

ecco che torni nell’acqua
dentro il gioco minerale
delle onde che circondano
il tuo corpo d’acqua, sali
e ridiscendi nel cerchio
fresco del piacere antico
di non essere altra cosa
che un luogo, un punto qualsiasi
del mare nell’altro mare,
un’increspatura tenera
dell’esserci

La Tejita, 21 agosto 2011

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.
(2011)

 

Idillio

16 febbraio 2018

.

.

.

Idillio

.


nella luce grande e grigia sotto il frastuono del mare
di nuvole grandi e grigie dentro la luce del mare

nel colore grigio e grande davanti al coro del mare
nel mare lucido e grande di nuvole grandi e grigie

senza intervalli riverbero di un mondo equatoriale
che ci avvolge senza che se ne possano districare

i nodi dell’esistenza e scorrono le nostre nuvole
sul grande grigio dell’acqua dentro la vita del mare

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.
.

(2017)

Replay: Quando dal sé

13 febbraio 2018

.

.

.

Quando dal sé

.


quando dal sé si dimentica il sé, quando l’io è là,
quando dall’io si tralascia anche l’io, quando il sé è altrove,

quando siamo tutto il resto e tutto scorre, tutto resta,
quando siamo quella pianta laggiù, la formica, il corvo,
l’estasi incauta dell’eros, il tuo stesso percepire,

quando si torna dal fuori al sé, e il sé non basta più

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.
.

(2013)

L’eremo delle monache

9 febbraio 2018

.

.

.

L’eremo delle monache

.


all’eremo delle monache, quattr’ore di cammino
per il sentiero innevato, svalicando dentro l’ombra

verso quel sole di là, verso l’eremo delle monache
abbandonato all’inverno, le campane congelate,

tutte le finestre chiuse, nessuno risponde al battito
del batacchio forte sulla porta, risuonano i colpi

verso il bosco, lo sappiamo, è abbandonato all’inverno
l’eremo disabitato delle monache, è incerto

l’addossarsi al muro sotto il sole, sopra qualche sasso
libero dal ghiaccio, in alto le finestre asserragliate

contro un nemico di nulla, contro un’altra assenza, stretti
nell’attesa del disgelo

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.
.

(2012)

Replay: Scorre

6 febbraio 2018

.

.

.

Scorre

.


cola il tempo nei tubi del termosifone
lo si sente la notte, goccia dopo goccia
quietamente trascorrere, circolare
(potrei fermarlo, e sarebbe il gelo)

mi fa compagnia, invece, coi suoi docili
minimi passi di morte, mi bisbiglia
che è proprio lei, contattata così,
la compagna sfuggente del mio viaggio
nelle acque sotterranee del sentire

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.
.

(2005)

Lontani

2 febbraio 2018

.

.

.

Lontani

.


quando le ore non bastano al nostro sonno, le volte
che il dormire è catturato nel gorgo delle ossessioni

del giorno, quando le ore si contano e manca sempre
troppo al pareggio, se l’ombra sopra di noi resta viva

e le tempie si contraggono perché la vita tira
e non sai come seguirla, non sai seguirla, non sai

se mai più sarai capace di stare al ritmo felice
e stupido del quotidiano

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.
.

(2017)

.

.

.

Quello che colpisce

.


quello che colpisce è che la roccia, salendo, diventi

muro, poi scanalature, archi, finestre, ceselli,
guglie, come una materia che si raffina nell’alto,

come un trasmutare dal terrestre al celeste, e il celeste
siamo noi, démoni o dei, creature di forma

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.
.

(2013)

Le parole, uscendo

26 gennaio 2018

.

.

.

Le parole, uscendo

.


le parole, uscendo, sono un groviglio di segni e suoni
sulla carta, sullo schermo, nella voce, nei colori

che disegnano, non c’è nessuna chiarezza nei corpi
delle vocali, nel moto degli accenti, nelle voci

del senso che si dovrebbe distendere oltre i rumori
ed è rumore esso stesso, non costruiscono ponti,

non parlano le parole in questi versi, sono morti
che sorridono, che cantano senza sapere cosa

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.
.

(2013)

Replay: Saulo

23 gennaio 2018

.

.

.

Saulo

.


nell’ombra dell’emozione

nella luce pneumatica dell’improvviso sapere

sotto il corpo del cavallo
enorme, carnale, pieno
ritrovandoci di colpo
così pieni a nostra volta d’altro
consumati dalla febbre del vedere
quello che non avevamo mai veduto
…………ma solamente astrattamente poco consapevolmente
…………incertamente agognato

non mi lascerete allora, voi,
smarrito, qui

un palpito appena al di fuori
dei confini quotidiani del dolore

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.
.

(2004)

Figura fredda

19 gennaio 2018

.

.

.

Figura fredda

.


stavano così le rose, dentro al freddo della luce

di un luogo che non è loro, trattenevano il respiro
di un’aria che morde il fiato, scabrosa alla gola molle

tra i petali rossi, fredda come un sole che non è

loro, sorprendente stupro minerale, luce vecchia
senza redenzione, senza illusione, stavano come

potremmo stare noi quando ci piange il mondo di dentro

dentro la faglia del cuore secco per sempre, oggi

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.
.

(2017)

Replay: Ci sono gli alberi

16 gennaio 2018

.

.

.

Ci sono gli alberi

.


ci sono gli alberi, scendono dall’alto fino a terra,

molte nuvole nascondono i monti grandi sul fondo,
la strada è percorsa lenta da un camion, si sente il clacson,

le nuvole fanno macchie sui monti vicini piccoli,
è tutto verde, sonno, il giorno aperto mi guarda

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.
.

(2013)

La prossima volta

12 gennaio 2018

.

.

.

La prossima volta

.


la prossima volta che ci troveremo qui, sarà
veramente un posto, questo posto, sapremo che dietro
il cancello della torre del mercato c’è una piazza

da cui si stacca una via, e poi c’è un angolo, e un’altra
via dove c’è casa, solo per oggi, ma indubbiamente
la nostra,

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.
.

(2013)

.

.

.

Recitativo dell’improvvisa ansia

.


da tanto e tanto tempo eri solo un’icona
una figura un simbolo congelato
del desiderio
mentre ora di colpo
spaventevolmente
respiri
parli
mi
osservi
ti lasci toccare, guardare
ti ondeggiano i capelli
gli occhi sorridono

e sei
legata
a un altro

mentre da troppo tempo il mio amore
quello vero, quaggiù
inesorabilmente
sva
ni
s
c

e

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.
.

(2004)

Insetto

5 gennaio 2018

.

.

.

Insetto

.


la rivista cui noi siamo abbonati richiede il gesto
di lacerare l’involucro e in questa surrettizia origine
si rivela insetto al nascere dall’aprirsi di un velo

che era stato pelle, carne, e adesso è soltanto superflua
protezione eliminabile giunzione tra ciò che è

solamente adesso vita e prima sogno larva tendere

nostra avventura in potenza battito del tempo che
deve ancora avvenire

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.
.

(2017)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: